lug
30
2014

WeSwap, la carta social per cambiare valuta!

Addio uffici di cambio. Arriva WeSwap, la carta prepagata socialNiente più code agli sportelli e soprattutto niente più altissime commissioni per cambiare valuta prima di partire per un paese con una moneta differente dalla vostra.

carta prepagata weswap

La carta WeSwap

Oggi siamo costantemente connessi, i social sono diventati parte integrante della nostra vita, non poteva mancare una carta social pensata per migliorare la nostra vita, soprattutto in periodo di ferie. Ma di cosa si tratta precisamente?

Che è una carta prepagata è già stato detto. Le novità sono essenzialmente due: la prima sta nel fatto che WeSwap si basa su un social network, e dunque una rete di persone accomunate da una necessità; la seconda è che questa necessità, a cui WeSwap risponde egregiamente, è quella di cambiare la valuta del proprio denaro, per esempio in vista di un viaggio.

Facciamo un esempio: nella rete social WeSwap ci sono un utente italiano che ha bisogno di cambiare euro in corone danesi ed un utente danese che invece vorrebbe effettuare esattamente il cambio inverso. Grazie a WeSwap il cambio-scambio avviene in tempo reale, sulla base del tasso di cambio interbancario vigente.

weswap

Il compito di WeSwap è quello di trovare all’interno della rete utenti con esigenze coincidenti. L’importante è che sulla carta di ciascun richiedente sia disponibile l’importo che si desidera cambiare. Giunto a destinazione, diciamo in Danimarca, l’utente italiano potrà utilizzare la WeSwap card come una normalissima carta prepagata, ovvero prelevare presso tutti gli sportelli del circuito Mastercard o effettuare pagamenti, direttamente in corone danesi. E lo stesso vale per il turista danese a spasso per l’Italia.

Per far parte di questa rete è sufficiente registrarsi sul sito www.weswap.com e compilare il modulo di richiesta online. Unici requisiti sono la maggiore età e la residenza in uno dei paesi aderenti al momento (Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Olanda, Norvegia, Regno Unito, Spagna e Svezia). Nel giro di una settimana, la carta prepagata viene spedita e l’utente può abilitarla contattando il Centro Clienti per ricevere il PIN di accesso. E il gioco è fatto!

I vantaggi di WeSwap

weswap_1

Dov’è la convenienza? Oltre alla ovvia praticità della carta, WeSwap garantisce il risparmio. Infatti, a differenza delle banche o degli uffici di cambio comuni che applicano commissioni piuttosto elevate, spesso rendendole perfino invisibili inglobandole nel tasso di cambio, WeSwap applica un tasso dell’1%. Conveniente e trasparente.

Cosa accade se le esigenze del turista italiano e di quello danese coincidono ma gli importi che i due utenti desiderano cambiare non si equivalgono? Ancora una volta ci pensa WeSwap con un’operazione chiamata “Top-Up”, ovvero andando a sopperire direttamente alla mancanza di denaro. In questo caso la commissione applicata è dell’1,5%.

E nel caso in cui il turista italiano tornasse a casa senza aver speso l’importo cambiato in corone danesi nessun problema: le corone possono essere trasformate in euro, sempre al tasso interbancario vigente.

La semplicità di utilizzo e la trasparenza, oltre che la sicurezza che WeSwap garantisce la rendono un prodotto decisamente appetibile e popolare.

feb
07
2014

Boom di richieste per le carte di credito revolving

La carta di credito revolving? Un successo dettato dalla crisi economica che sta impattando l’Italia in forte recessione. Si tratta di carte di credito facili da ottenere e che permettono di pagare in rate mensili i propri acquisti, invece che a saldo, il mese dopo, come avviene con le classiche carte di credito. Tuttavia tutto ha un prezzo e in questo caso esso è rappresentato dagli interessi elevati.

Carte di credito revolving: poca chiarezza e tassi che si moltiplicano

Nell’ultimo trimestre del 2013 la Banca d’Italia ha calcolato un tasso di interesse del 17,20% per pagamenti fino a 5.000 euro con picchi che raggiungono il 25,2%, tasso oltre il quale scatterebbe l’usura. Oltre ai tassi esorbitanti queste carte di credito nascondono un meccanismo di moltiplicazione degli interessi. Esse, infatti, portano al pagamento di rate praticamente infinite, poiché, non essendo chiare e trasparenti le condizioni di utilizzo, è facile perdere il controllo sui propri pagamenti e sugli acquisti fatti, tenendo inoltre conto, che le condizioni di pagamento peggiorano drasticamente se viene saltata anche una sola rata. L’utilizzo di queste carte così come l’abuso da parte degli enti finanziari ha portato all’istituzione di un numero verde e alla messa a disposizione di diversi sportelli per chiarire i dubbi dei consumatori e analizzare i comportamenti anomali da parte degli istituti che finanziano i prestiti.

Crisi che genera crisi

Il successo delle carte revolving deriva dalla crisi: i prestiti personali, chiari e trasparenti, sono in calo del 10,8% mentre le revolving, non chiare, ma che danno l’impressione di proporre maggiore elasticità e flessibilità crescono in maniera significativa. La maggior parte dei richiedenti sono persone con età media compresa tra i 40 e i 45 anni e che effettuano una spesa mensile media di 683 euro. Tuttavia quelli che sono più abbindolati e cadono nel circolo vizioso delle “revolving” sono i giovani tra i 18 ed i 25 anni con una spesa mensile di 788 euro. Le associazioni a tutela dei consumatori consigliano di diffidare dal sottoscriverle o comunque di leggere attentamente le condizioni di utilizzo. La formula, con la quale è presentata la carta di credito revolving, è semplice e allentante: un “platform” che viene ricaricato, se utilizzato, tramite il pagamento di rate mensili. Ma la chiarezza è poca e in alcuni casi vi è addirittura assenza di informazione sui tassi di interesse applicati e sulle penali che le banche richiedono in caso di ritardo nei pagamenti. Da alcune indagini è, infatti, emerso che diversi istituti finanziari hanno richiesto anche 197 euro a fronte di rate di circa 150 euro pagate in ritardo. Non a caso per le revolving sono sotto processo le note American Express e Ducato per i tassi eccessivi applicati e la poca trasparenza delle condizioni delle loro carte di credito revolving.

nov
28
2013

Google Wallet Card, una nuova carta prepagata per gli americani

google-wallet-cardGli americani già possessori di un Google Wallet, ovvero un conto associato al loro account Google, a breve saranno in grado di utilizzare il servizio di pagamento mobile offerto dal colosso statunitense in molti più luoghi e soprattutto offline, grazie alla nuova Google Wallet Card.

La Google Wallet Card è una carta prepagata valida negli Stati Uniti in tutti i luoghi in cui sono accettate le carte di credito e di debito MasterCard; può essere usata per effettuare acquisti nei negozi o per prelevare denaro presso gli sportelli Bancomat.

Google invierà la carta gratuitamente ai titolari di account Google Wallet che ne faranno richiesta. Non sono previsti canoni annui o mensili per usarla, anche se alcuni fornitori di sportelli automatici ATM potrebbero imporre una commissione al prelevamento, come spesso avviene con le tradizionali carte di debito.

La carta espande, dunque, la portata del servizio di pagamento di Google considerevolmente. Infatti, fino ad ora il Google Wallet poteva essere utilizzato soltanto per effettuare acquisti su siti di Google come YouTube e Play Store, mentre la sua usabilità nel mondo reale era nulla.

La carta, purtroppo, ancora non può essere utilizzata oltre i confini statunitensi e Google non si è pronunciato circa la possibilità di esportarla.

Cosa permette di fare la Google Wallet Card

- Inviare soldi facilmente a qualsiasi amico negli Stati Uniti- Trovare le offerte nei negozi più vicini grazie all’applicazione Google Wallet
- Spendere fino a $ 5,000.00 al giorno, limite che non include prelievi di contanti presso gli sportelli automatici o le banche
- Controllare il proprio Wallet Balance in qualsiasi momento utilizzando l’applicazione Wallet, o visitando la pagina wallet.google.com.

Come richiederla
I possessori di Google Wallet che desiderino ricevere la carta possono ordinarla tramite l’ultima versione della app Google Wallet per Android, disponibile su Google Play da mercoledì scorso.

Sicurezza
Per motivi di sicurezza,  la Google Wallet Card è dotata di un PIN e monitoraggio 24/7 antifrode. Se il dispositivo viene perso o rubato,  si può facilmente disattivare l’applicazione Google Wallet tramite il sito http://wallet.google.com/manage.
Si può inviare qualsiasi comunicazione e ottenere supporto collegandosi al sito support.google.com, o chiamando il numero 1-855-492-5538 operativo 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Il Google Wallet funziona su dispositivi con Android 2.3.3 o versione successiva.

ott
16
2013

Kalixa Pay: carte prepagate ed e-wallet

Kalixa Pay è una carta prepagata del circuito MasterCard, utilizzabile come qualsiasi altra carta di credito. L’unica differenza con le altre carte prepagate consiste nel consentire al titolare di esercitare un maggior controllo sulle proprie finanze: Kalixa Pay, infatti, permette di utilizzare soltanto il credito ricaricato, scongiurando qualsiasi eventuale imprevisto con il budget. Alla carta si affianca, inoltre, un pratico e-wallet, ossia una sorta di portafoglio elettronico, utile sia per la gestione dei pagamenti online, sia per trasferire denaro a un altro utente Kalixa.

I vantaggi di Kalixa Pay

Fra i benefici assicurati da Kalixa Pay vi è certamente la sua facilità d’uso: decisamente versatile, la carta è accettata ovunque sia esposto il logo MasterCard e può così essere usata per acquisti online e in oltre trentadue milioni di esercizi commerciali di tutto il mondo.
Proprio a tale proposito, poi, la carta si prefigura anche come soluzione ideale e piuttosto conveniente per chi va in vacanza all’estero o per chi viaggia per lavoro. Infatti, oltre al vantaggio di poter utilizzare una sola carta, evitando il movimento di liquidi (da cambiare, fra l’altro, in valuta straniera), è altresì possibile fruire di ottimi tassi di cambio e di nessuna spesa aggiuntiva su transazioni e commissioni. Altrettanto degna di nota è poi la garanzia di sicurezza applicabile alla carta: quest’ultima, infatti, non è connessa in alcun modo a un conto corrente bancario ed è, inoltre, sottoposta a tecnologie di sicurezza, come Chip & PIN, per proteggere i propri dati personali. Decisamente versatile e pertanto adatta a qualsiasi preferenza personale è, inoltre, la modalità di ricarica della carta che supporta il trasferimento dei fondi tramite conto corrente bancario, carta di credito oppure carta di debito. Naturalmente, la tipologia scelta non è vincolante e può essere cambiata a ogni ricarica, a seconda delle esigenze del momento.

Il servizio e-wallet

Come già accennato, Kalixa Pay dispone di un e-wallet, un portafoglio elettronico raggiungibile via web e attraverso il quale è possibile gestire i pagamenti per i propri acquisti online e, eventualmente, trasferire denaro ad un altro conto Kalixa, in modo del tutto gratuito.
Questo servizio si rivela utile e conveniente soprattutto per chi necessita di versare periodicamente fondi sul conto di un amico o di un parente, come un figlio in viaggio o studente fuori sede, o magari per restituire ratealmente un prestito ai propri genitori. In ogni caso, il beneficiario potrà fruire immediatamente della somma inviata. Sempre in termini di sicurezza, particolarmente utile è il servizio di notifica tramite SMS. Il titolare di un account e-wallet, infatti, può scegliere di ricevere avvisi tramite messaggi di testo oppure via e-mail, sia periodicamente, attraverso un report settimanale contenente il saldo del proprio conto, che qualora gli sia accreditata una ricarica.

set
17
2013

Conti deposito: sono sicuri? Quali garanzie

Complice la crisi economica, sempre più spesso ci si scopre alla ricerca di un prodotto finanziario affidabile, con rischi per lo più prossimi allo zero: in tal senso, una delle vie percorribili è certamente rappresentata dall’apertura di un conto deposito. Tuttavia, il capitale investito è davvero al sicuro? Quali sono le garanzie in favore del depositante?

I benefici che il conto offre

I vantaggi offerti da un conto deposito sono numerosi. A differenza di un tradizionale conto corrente, infatti, esso assicura tassi di interesse decisamente più elevati e porta a zero qualsiasi spesa di apertura, chiusura e gestione del conto. Particolarmente interessante è la garanzia di un rendimento sicuro, indipendentemente da crolli e inflazioni di mercato, e soprattutto pattuito prima dell’attivazione del conto. Tale tipologia di prodotto finanziario rappresenta una forma affidabile per salvaguardare i risparmi di ognuno e, perché no, a far fruttare questi ultimi nel corso degli anni. A tal proposito va ricordato che è anche possibile attivare il vincolo di deposito, secondo il quale non è possibile prelevare fondi dal conto per un periodo prestabilito, e in questo caso i tassi di interesse si fanno ancora più allettanti in quanto i rendimenti salgono notevolmente.

Le garanzie del conto deposito

Al pari di un comune conto corrente, anche il conto di deposito è garantito dal Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi, nei confronti del quale ogni istituto di credito è obbligato ad aderire. Secondo la normativa attualmente in vigore è previsto, infatti, un risarcimento fino a 100.000 euro, in caso di insolvenza da parte della banca. Per quanto riguarda le singole banche, poi, è possibile verificare preventivamente la solidità finanziaria attraverso il valore di rating, ossia una valutazione calcolata tenendo conto dei dati patrimoniali e dell’eventuale rischio derivante dalle personali strategie di investimento delle aziende bancarie. Non da ultimo, occorre ricordare poi che gli istituti di credito che operano all’interno del nostro territorio sono regolati da norme ferree e devono rispondere a precisi requisiti di ordine patrimoniale, seguire rigorosamente criteri di trasparenza e sono, altresì, soggetti a un controllo costante da parte delle Autorità di vigilanza. Per fornire una ulteriore garanzia nei confronti dei consumatori, le stesse Associazioni dei Consumatori sono concordi nel definire i conti deposito come i più sicuri prodotti finanziari presenti sul mercato in questo periodo.

ago
09
2013

Accettare pagamenti con carte: dal pos tradizionale al “mobile pos”

Lo strumento utilizzato dai commercianti per leggere i vari tipi di carte di pagamento viene comunemente chiamato “pos”, dall’inglese Point Of Sale.

Il termine all’estero solitamente riveste un significato più ampio e raramente viene associato in maniera diretta al dispositivo che solitamente viene chiamato attraverso parole che significano “lettore di carte”, “terminale di pagamento via carta” o cose simili. Tutti bene o male conoscono il pos e sanno che solitamente questo tipo di servizio è offerto dalle banche: i commercianti si rivolgono a una banca o a un gruppo bancario, stipulano un contratto e il servizio viene installato. In questo modo i commercianti possono cominciare ad accettare pagamenti via carta.

Quello che invece probabilmente molti non sanno è che la tecnologia sta facendo progressi anche in questo campo, sfruttando soprattutto la diffusione degli smartphone. Nell’ambito dei “mobile payments” stanno cominciando ad operare diverse aziende ed è da poco sbarcato in Europa, importato dagli Stati Uniti, quello che può essere definito come “mobile pos”.

Una di queste società si chiama Payleven ed ha realizzato un dispositivo chiamato “chip&pin”. Il terminale, di ridotte dimensioni, viene connesso ad uno smartphone (o tablet) iOS o Android che attraverso un applicazione compie la parte gestionale della transazione: è sul touch screen del telefono che il commerciante inserirà l’importo e i dati relativi alla transazione, con la possibilità di aggiungere una foto. Il terminale “chip&pin” invece permette la lettura del chip della carta di credito o di debito e la digitazione da parte del cliente del proprio pin di sicurezza, attraverso una tastiera numerica. La ricevuta potrà essere spedita via e-mail attraverso il telefonino oppure venire stampata attraverso una stampante bluetooth.

Questo tipo di soluzione può portare alcuni indiscutibili vantaggi. Prima di tutto alcuni commercianti potrebbero essere attratti dalla sua portabilità. Tutti i lavoratori che operano in mobilità, come ad esempio tassisti, fotografi, freelancer, potrebbero trovare nel chip&pin lo strumento ideale per accettare pagamenti via carta. In secondo luogo, alcuni potrebbero trovare la soluzione più economica rispetto a quelle tradizionali. A fronte di commissioni un po’ più alte della media, il servizio offerto da Payleven non prevede però canoni fissi e l’installazione è semplice e permette di essere attivi in pochi giorni.

Il mobile pos può quindi essere un buon strumento per i piccoli commercianti, per tutti quelli che pur essendo interessati ad accettare le carte di credito, hanno poi cambiato idea di fronte a un investimento iniziale più impegnativo (non solo dal punto di vista economico), mentre questo tipo di soluzione prevede un tipo di contratto “paghi solo quando lo usi” che per i piccoli esercenti può essere più conveniente.

ago
09
2012

Gli italiani preferiscono il contante

Dalla Relazione Annuale di Banca d’Italia sul 2011 (pubblicata il 31 maggio 2012) emerge che, a fronte di un lieve aumento (1%) del numero totale delle transazioni effettuate con strumenti di pagamento diversi dal contante, il numero di carte di credito emesse registra un decremento del 3,3%, che si fa ben più importante (-6,7%) se si tiene conto delle sole carte attive. Aumentano invece le carte prepagate (16,3%). (continua…)

giu
11
2012

Truffe con le carte di credito: attenti alla clonazione!

Non è la prima volta che ci occupiamo di truffe con la carta di credito, tema attuale e importante, forse la maggiore barriera alla diffusione delle carte di credito nel nostro paese. È importante però sapere che le truffe con le carte di credito possono essere evitate con semplici accorgimenti. (continua…)

mag
31
2012

Come richiedere una carta PayPal?

La carta PayPal è una prepagata ricaricabile, appartiene al circuito MasterCard ed è distribuita dalla rete Lottomaticard.

È una carta estremamente comoda che ti permette di fare shopping ovunque vi sia il logo Mastercard esposto, ma soprattutto è di facile acquisizione. (continua…)

mag
30
2012

Explora: la nuova carta di American Express con un TAN promozionale del 5%

Carta Explora è la nuova carta revolving di American Express, pensata per i giovani, per gli “urban explorer”, particolarmente attenti alle novità, abituati a fare acquisti online e in cerca di offerte irripetibili e convenienti. Per richiedere Carta Explora American Express basta essere maggiorenni, avere un conto d’appoggio in Italia ed avere un reddito lordo annuale di 11 mila euro. (continua…)