Introduzione

La guida completa sulle carte di credito.

Le carte di credito (carta credito prepagata, carta prepagata, cartafacile, carta credito ricaricabile, ecc.) hanno acquisito sempre più importanza in qualità di strumento capace, lato offerta, di supportare lo sviluppo di un business ancora in evoluzione e, lato domanda, di agevolare la concretizzazione di progetti ed obiettivi di vita.

In Europa, si paga sempre più volentieri con la tessera, moneta di plastica, che viene utilizzata per circa il 40% dei pagamenti, segnando una vistosa crescita rispetto a pochi anni fa, quando le plastic cards rappresentavano solo il 10-15%.

Lo rivela una recente indagine di Mastercard Europe sull'evoluzione dei sistemi di pagamento nel nostro continente, che mette in luce numerose differenze tra un paese e l'altro. Se è vero infatti che la media europea dei pagamenti effettuati con il contante/assegno è di poco superiore al 60%, in Olanda, Norvegia e Belgio il ricorso al contante si è già drasticamente ridotto al 40% , a favore delle carte di pagamento. E ancora al di sotto della media europea, c'è un gruppo di otto stati, composto da Francia, Inghilterra, Danimarca, Finlandia, Svizzera, Spagna, Svezia e Germania, mentre l'Italia è in fondo alla classifica, con altri sei paesi, in quanto l'utilizzo del contante interessa quasi l'80% dei pagamenti.

Ma il passaggio all'utilizzo delle cards nel nostro paese, anche se in modo lento, sta avvenendo, se si considera che circa sei-sette anni fa ben il 95% circa dei pagamenti era effettuato con i contanti o gli assegni. Relativamente alle categorie merceologiche, pagare con le cards di credito o di debito, è diventato ormai un'abitudine consolidata in Europa, in media, presso gli hotel (con il 45% dei pagamenti); presso agenzie di viaggi, autonoleggi e compagnie aeree (con il 40% ); presso le stazioni di rifernimento di benzina e di negozi di moda (con il 38%).

blog comments powered by Disqus