FAQ

La guida completa sulle carte di credito.

Indice

Cosa è la formula Twist ?

Twist è una modalità di rimborso delle spese effettuate con la carta di credito.

Ecco come funziona la modalità di rimborso Twist: se il totale dei tuoi acquisti non supera o è equivalente all'importo della rata prescelta, tale somma viene addebitata a fine mese senza interessi, secondo lo schema classico di una carta di credito a saldo. Se hai speso 100 a fine mese paghi 100, se hai speso 300 a fine mese paghi 300. Se invece il totale dei tuoi acquisti supera l'ammontare della rata prescelta (es. 500 euro), scatta la rateizzazione come se fosse una carta revolving.

Attualmente la carta che offre questa modalità di pagamento è la carta CTS.

Cosa sono le carte revolving ?

Vedi: Carte revolving.

Quale è la differenza tra una carta revolving e una carta di credito con rimborso a rate ?

La carta di credito a rate non ha la stessa flessibilità delle carte revolving, una volta definita la rata di rimborso con la banca, questa non può essere cambiata senza rivedere le condizioni contrattuali. Nelle carte revolving il cliente può scegliere mese per mese la rata di rimborso che preferisce pagare, purché superiore ad una rata minima, oppure può saldare completamente le spese effettuate.

Cosa sono le carte di debito ?

Vedi: Carte di debito.

Come è possibile tenere sotto controllo le spese ?

L'estratto conto mensile consente in modo chiaro e trasparente di controllare le spese effettuate come carta di credito, che saranno addebitate il 15 del mese successivo.

Che cos'è il PIN?

Il PIN, Personal Identification Number, è un codice di quattro cifre che ti consente di ritirare contante in valuta locale presso gli sportelli bancari e bancomat nel mondo. Il PIN ti viene inviato in busta sigillata qualche giorno dopo la richiesta di una nuova Carta. Non comunicarlo a nessuno e tienilo sempre separato dalla tua carta. Se ti capitasse di dimenticare o smarrire il tuo PIN, attiva la procedura di emergenza prevista in questi casi.

E' possibile richiedere una carta aggiuntiva familiare per un parente (figlio, moglie o altri) che non sia cointestatario di conto, o delegato o che non disponga di reddito proprio?

Si, ovviamente a fronte di una carta principale emessa su un Titolare di conto. Le spese della carta famigliare confluiranno infatti sull'estratto conto della carta principale e saranno addebitate sul conto del Titolare della carta principale.

Se smarrisco o mi viene rubata la mia Carta di Credito posso averne rapidamente una in sostituzione?

Ti basta telefonare agli stessi numeri che devi chiamare per bloccare la tua carta, sia dall'Italia che dall'estero. Le procedure di sicurezza si attivano subito e consentono di evitare rischi e danni economici. Qui di seguito vi sono i numeri telefonici (verdi, gratuiti) delle società delle carte di credito più diffuse a cui telefonare per segnalare eventuali dubbi o bloccare immediatamente la carta in caso di furto o smarrimento.

  • Agos Itafinco: 800 822056
  • American Express: 800 864046
  • Banca Fineco: 800 525252
  • Banca Sella: 800 822056
  • Carta Sì: 800-151616
  • Citibank: 800 407704
  • Deutschebank: 800 207167
  • Diner's: 800 864064
  • Findomestic: 800 866116
  • Top Card: 800 900910
  • Servizi Interbancari: 800 151616
  • Setefi: 800 825099

Che livello di sicurezza c'è attualmente nell'effettuare pagamenti su internet con la carta di credito?

Il pagamento con carta di credito è il modo migliore per effettuare una transazione di commercio elettronico. Dal punto di vista del cliente infatti le carte di credito consentono di effettuare la transazione in maniera semplice, veloce e soprattutto senza muoversi dal proprio PC. Al contrario gli altri strumenti (bonifico, conto corrente postale, contrassegno) presuppongono tutti maggiori fastidi. Dal punto di vista dell'esercente oltre ad essere ancora una volta il più comodo, consente di avere una garanzia del pagamento prima di effettuare la spedizione della merce.

Come riconoscere un sito sicuro dove poter pagare con carta di credito senza farsi truffare?

La prima cosa di cui un esercente deve dotare il proprio sito è un certificato SSL. Questa tecnologia multifunzione consente di scambiare dati sulla rete Internet in maniera sicura grazie a particolari algoritmi di cifratura. Le pagine web che fanno uso di questa tecnologia si riconoscono già dall'indirizzo che comincia con https:// invece che con http://. Il browser stesso identifica graficamente queste pagine tramite particolari icone (Internet Explorer visualizza un lucchetto chiuso). In realtà non è necessario proteggere tutte le pagine del sito ma soltanto quelle relative al pagamento. Oltre alla cifratura dei dati, un certificato SSL implementa anche una ulteriore funzione: la certificazione dell'esercente. Infatti un problema che si pone è il seguente: va bene, la trasmissione è sicura, ma chi mi garantisce che dall'altro lato ci sia davvero l'esercente che pubblica il sito. In teoria infatti "qualcuno" potrebbe essersi sostituito al gestore legittimo per ricevere gli ordini al suo posto. Questo viene evitato grazie al fatto che le authority che rilasciano i certificati SSL si accertano dell'identità del richiedente e inseriscono le relative informazioni all'interno del certificato stesso. In questo modo l'utente può verificare l'identità dell'esercente utilizzando l'apposita funzione del proprio browser (generalmente cliccando sull'icona che identifica la connessione sicura).

Entro quali tempi posso effettuare una contestazione?

L'estratto conto ti verra' spedito a casa per posta ordinaria mensilmente, ma potrai anche consultarlo online su questo sito web, accedendo alle pagine protette del servizio Internet Banking. La Banca conferma al Cliente le operazioni effettuate con la sua carta mediante l'estratto conto periodico oppure mediante l'aggiornamento del libretto. Percio' hai tempo 30 giorni dalla data dell'invio dell'estratto conto o dalla data di contabilizzazione delle operazioni sul conto corrente per effettuare una contestazione o un reclamo specifico, trascorso questo tempo l'estratto conto si intenderà senz'altro approvato.

Che cosa devo fare se voglio variare il limite di utilizzo?

Per poter richiedere una variazione sul limite di utilizzo della carta e' sufficiente farne richiesta alla propria succursale oppure chiamare i numeri verdi predisposti per questo servizio o utilizzare il servizio di Internet Banking, qualora concessa, la variazione e' gratuita. La Banca puo' pero', a suo insindacabile giudizio, stabilire un limite di utilizzo vincolante per il titolare di carta.

Come disdire la carta di credito?

Per recedere dal contratto e disdire la carta di credito è necessario far riferimento alla sezione "Recesso" delle condizioni generali del contratto riportate sul modulo di richiesta della carta.

Pertanto il titolare ha diritto di recedere con preavviso di almeno due mesi (leggere comunque le condizioni sul contratto) dal rapporto con l'invio della carta invalidata a mezzo lettera assicurata convenzionale con ricevuta di ritorno oppure consegnandola in banca.

Restano a carico del titolare tutte le obbligazioni antecedenti alla restituzione della carta. Il recesso non è applicabile alle somme già corrisposte e/o erogate o che dovessero essere corrisposte per impegni assunti con i convenzionati ovvero per ordini inoltrati presso le banche aderenti, che dovranno essere quindi rimborsate subito.

blog comments powered by Disqus